Cosa succede alla composizione del corpo quando si muore di fame per perdere peso

Cosa succede alla composizione del corpo quando si muore di fame per perdere pesoPotresti avere qualche (o più) chilo di troppo da perdere. Che cosa fai? Naturalmente, come la maggior parte delle persone, ci si rivolge a metodi sperimentati e veri di perdita di peso, dieta ed esercizio fisico. Iniziate a correre o a fare pesi qualche giorno alla settimana. Si inizia a rendere più rigorosa la propria dieta, omettendo il cibo spazzatura e cucinando a casa più spesso.

Per alcune persone, i risultati di questo processo non vengono raggiunti abbastanza rapidamente. Viviamo in un mondo di immediata gratificazione. Se non riesci a raggiungere i tuoi obiettivi, come ieri, cosa fanno molte persone? Alcuni si rivolgono a diete da fame, o a diete estreme che limitano le calorie ben al di sotto del loro fabbisogno energetico giornaliero.

Potrebbero perdere chili piuttosto velocemente, basta guardare il più grande perdente per averne la prova. Ma cosa succede realmente ai loro corpi? Quali sono gli effetti sulla salute a breve e a lungo termine della fame sulla composizione corporea?

Di cosa è fatto il nostro corpo

Composizione corporea è il termine usato per descrivere i componenti che compongono il vostro corpo: grasso e massa grassa. La massa senza grassi è composta da tutto ciò che non è grasso, come proteine (muscoli magri, organi), acqua e minerali (cioè ossa e ferro nel sangue).

Per cambiare la composizione del corpo non ci si può concentrare semplicemente sull’obiettivo più grande della perdita di peso. Il vostro obiettivo è invece duplice: ridurre la massa grassa mantenendo o aumentando la massa magra. Ma perché dovreste concentrarvi sul cambiamento della composizione corporea invece che sulla perdita di peso?

In parole povere, l’aumento della massa magra vi darà l’impressione di essere più magri, anche se il numero sulla bilancia non si muove. Questo perché il muscolo è più compatto del grasso. Quindi concentrarsi sulla composizione corporea, invece che sulla perdita di grasso, può aiutarvi a migliorare il vostro aspetto generale e a ridurre il grasso corporeo, aumentando al contempo la forza.

Perché scegliamo la fame

Il modello standard di perdita di peso è calorie in vs calorie out. Se si consumano più calorie al giorno di quelle che si bruciano, si aumenta di peso; bruciando più calorie al giorno di quelle che si assumono, si perde peso. Avere una restrizione calorica è importante se si cerca di vedere diminuire il numero sulla bilancia.

Come discusso in precedenza, molte persone scelgono l’approccio “tutto o niente” e “die-hard” per la perdita di peso e optano per livelli di calorie molto più bassi di quelli raccomandati, spingendoli a perdere peso rapidamente. Le diete da fame possono portare a “un peso obiettivo”, ma a quale costo?

Cosa succede al corpo quando muore di fame

La ricerca indica che le persone che hanno usato diete da fame per la perdita di peso, mangiando il 50% del loro fabbisogno energetico per tre settimane, hanno diminuito il loro peso corporeo in generale. Tuttavia, hanno anche ridotto la loro massa muscolare magra del 5%. Se lo stato di fame viene mantenuto cronicamente, la massa muscolare magra e le dimensioni degli organi sono diminuite del 20%.

Allo stesso modo, uno studio sui topi ha trovato che la massa magra e la massa muscolare magra sono state sacrificate durante la fame; tuttavia, i depositi di grasso corporeo erano relativamente gli stessi nei topi con una dieta di controllo e nei topi obesi con diete da fame.

La perdita di peso per fame fa sì che gli individui perdano quantità significative di massa muscolare magra e massa magra, che comprende acqua, ossa, organi, ecc. Ridurre la massa delle ossa è problematico, in quanto ciò diminuisce la densità ossea e può rendere più inclini a lesioni. Al contrario, l’aumento della massa corporea magra aumenta la forza e la densità ossea, una preoccupazione comune per molti americani con l’età.

Uno studio che utilizza partecipanti umani ha indicato la caduta di quantità significative di calorie dalla dieta portare a una significativa perdita di peso e diminuzione della massa muscolare magra. Tuttavia, i partecipanti hanno anche guadagnato indietro quasi tutto il grasso che hanno perso, entro 8 anni.

Questo stimola la discussione e la comprensione di un importante argomento: il metabolismo. Inoltre, la fame cronica porta a cambiamenti nel metabolismo. Il metabolismo e il metabolismo a riposo sono direttamente collegati alla massa magra. Potete saperne di più su www.fordsocialhome.it. Una persona con una massa corporea maggiore avrà bisogno di più energia per funzionare giorno per giorno, quindi avrà un metabolismo basale più grande (BMR). Come il peso diminuisce, così fa BMR.

Questo significa che c’è un certo numero di calorie necessarie per mantenere la massa magra. Se si scende al di sotto di questo numero, il vostro corpo sarà costretto ad abbattere questi depositi muscolari per creare energia.

Le diete per la fame hanno effetti negativi di vasta portata sul corpo. La fame per perdere peso modifica il metabolismo, riduce la massa muscolare magra, riduce la densità ossea e diminuisce la forza.

Ritorno da uno stato di fame

Ritorno da uno stato di fameForse avete optato per una dieta a bassissimo contenuto calorico, mettendo il vostro corpo in modalità “fame”. Hai perso tonnellate di peso e sei pronto a tornare a mangiare “normalmente”. Finora, il vostro corpo ha anche risposto perdendo muscoli e diminuendo la BMR. Ma qualcos’altro di interessante accade al corpo dopo un periodo di fame.

I sistemi del corpo non si “resettano” dopo la fame. Che cosa significa? Il corpo si sintonizza per concentrarsi su una significativa perdita di peso a scapito della massa grassa corporea, dei muscoli magri e di altre masse magre. Riduce il suo tasso metabolico basale. Tuttavia, una volta che una persona ritorna a un livello calorico normale, il corpo non riesce ad adattarsi.

Il corpo non può adattarsi da una caduta a un apporto calorico ultra-basso per perdere peso e tornare a un maggiore apporto calorico per mantenere la perdita di peso. Potete scoprire quante calorie ha questo prodotto qui www.calorie.it. Il corpo immagazzinerà le calorie extra come grasso.

Questo perché il corpo è ora innescato per reintegrare le riserve di grasso perduto, non il muscolo magro, perso durante la fame. Morire di fame per perdere peso rende il vostro corpo più probabile, a lungo termine, per ricostituire il grasso. Utilizza il nuovo tasso metabolico basale dalla modalità fame.

Gli individui magri avevano più probabilità di guadagnare più grasso dopo la fame. A tal fine, il sistema del corpo non si è “resettato” fino a quando tutto il grasso corporeo perso durante il periodo di fame è stato recuperato. Questo nega ogni progresso fatto durante questo periodo.

Uno dei motivi per cui questo può essere il caso è che i livelli di leptina nel sangue diminuiscono negli individui che perdono molto peso per fame. La leptina è l’ormone che segnala la sazietà. È prodotta dalle cellule adipose e aiuta a regolare l’equilibrio energetico e ad inibire la fame. In breve, segnala al cervello che non si ha fame.

Eppure, chi ha sofferto la fame per una maggiore perdita di peso ha abbassato i livelli di leptina, mettendo a rischio il recupero del peso perché il corpo non segnalava correttamente il cervello. La leptina a basso livello di sangue segnalava al cervello che il corpo non era pieno o soddisfatto dopo aver mangiato, causando loro di mangiare di più.

La ricerca indica che l’estrema perdita di peso dovuta alla fame non è spesso sostenibile. Prendete di nuovo in considerazione l’esempio del Grande Perdente. Cosa succede una volta terminato lo spettacolo? La maggior parte dei concorsi riguadagna una quantità significativa di peso.

In uno studio condotto su 14 concorrenti di Biggest Loser, 13 dei 14 hanno riacquistato una quantità significativa del peso perso entro 6 anni dalla competizione. Inoltre, il loro tasso metabolico basale è diminuito con la perdita di peso, come previsto. Tuttavia, una volta che i concorrenti hanno rimesso il peso, il loro BMR non è aumentato con il peso.

Ricordiamo la correlazione tra massa e BMR. Qualcuno ad un peso più alto ha un BMR maggiore. Eppure, i concorrenti di Biggest Loser che hanno perso peso e lo hanno riguadagnato avevano un BMR inferiore. I loro BMR erano bassi, nonostante avessero di nuovo raggiunto un peso più alto. In poche parole, i concorrenti ora bruciavano meno calorie a riposo anche se avevano più massa.

Scegliere modi più sicuri e più sani per perdere peso

L’adozione di un approccio alla perdita di peso da fame è una soluzione a breve termine per un problema che richiede metodi a lungo termine. Tuttavia, questo tipo di deficit calorico estremo può generare i risultati opposti di ciò che si sta cercando. Invece di aiutare il corpo a far cadere il grasso, fa sì che il corpo catabolizzi la massa muscolare magra e il tessuto magro e le ossa.

Inoltre, questo tipo di perdita di peso non è sostenibile a lungo termine. Coloro che scelgono diete di fame in genere riacquistano la maggior parte del peso nel giro di pochi anni. Questo stimola il vostro corpo ad ingrassare più facilmente a lungo termine e diminuisce il vostro BMR, rendendo più difficile per il vostro corpo fare quello che fa naturalmente, bruciare calorie per l’energia. A lungo termine, il vostro corpo lavora più duramente per tornare allo stato di sovrappeso in cui era prima di morire di fame.

Invece di morire di fame, optate per modi più sani per perdere peso. Pensate al duplice approccio alla composizione corporea e concentratevi sulla perdita di grasso e sull’aumento muscolare. Scegliete una dieta sana all’interno di una gamma di calorie sane o di un deficit sano e usate l’allenamento della forza per aumentare la massa muscolare magra. Mangiare cibi a basso contenuto calorico e a basso contenuto di grassi può sembrare l’ideale, ma ricordatevi di concentrarvi sui macronutrienti.

La prossima volta che state pensando a una dieta estrema che potrebbe spingere il vostro corpo alla fame, ripensateci. Pensate agli effetti negativi che potrebbe avere sul vostro corpo ora e in futuro. Come minimo, considerate la probabilità di recuperare la maggior parte del peso che è stato perso. Questo, di per sé, dovrebbe indicarvi un approccio più pratico e sicuro alla perdita di peso.